logo

logo
ebook di ArchigraficA

domenica 23 giugno 2013

Il gioco Moderato



la moderazione, ovvero
ridere o ... atterrirsi (pensando a Stephen King?)






di Gregorio Rubino





Forse gli italiani ancora non l'hanno capito, ma siamo in guerra da almeno vent'anni. La classica guerra fra moderati, dove si spara a palle di letame (così in italiano forbito), ma che è iniziata bene e promette meglio, anche se i grossi calibri ancora tacciono e i diplomatici della pacificazione, fra uno spogliatoio mistico e l'altro, sono continuamente al lavoro.

Negli ultimi tempi mi sono convinto che i veri rivoluzionari sono loro, i "moderati": Dio, Patria e Famiglia e “a chi coglie, coglie”. Che io però distinguerei in professionisti ed apprendisti. Dei primi, i più discreti sono certamente gli untori, quelli che ti seppelliscono le scorie tossiche in giardino e ti uccidono lentamente, senza fare rumore, con moderazione. A pensarci bene è il delitto perfetto, semplice e geniale: tu lo uccidi oggi e quello muore domani, un gioco "di sponda" come a boccette. Ma anche gli alfieri della finanza creativa, che di tossico ti rifilano i titoli, non scherzano con la moderazione. Intanto incassi all'impronta, poi pagherai con calma, con le prossime generazioni, tanto c'è tempo; ma i veri campioni del gioco moderato, liberalizzatori ad oltranza, sono i bookmakers dell'azzardo diffuso, del gratta e vinci, i nostri amici esistenziali. Diciamo la verità, perchè dovremmo impedirci di farci una grattata ogni tanto, quando ci viene voglia! Insomma, sembra ormai evidente che si può anche ungere il vicino, taroccare un appalto o un concorso, evadere il fisco con continuità, fare cioè una moderata violenza al genere umano ed in piena coscienza, se sei un professionista del gioco, considerarti senza peccato. In fondo che c’è di male, non è dal letame che nascono i fiori?

Poi ci sono i moderati apprendisti, una vera emergenza nazionale. Un monopolio italiano sono infatti i cosiddetti moderati di sinistra, il nocciolo duro dei progressisti pentiti. Da almeno vent'anni cercano di apprendere l'arte della moderazione, ma proprio non ci riescono; forse non hanno ancora capito, gli ingenui, che quando sei incudine devi parare i colpi, ma quando sei martello devi battere. Perchè è proprio così, come si vede, che si gioca al gioco moderato, senza paura di apparire impreparati e se non sei un professionista, non sai distribuire le carte, rinunci a calare gli assi al momento giusto e vai invece blaterando sugli specchi, quelli alla fine moderatamente ti assaltano e vincono la partita. Insomma, proprio non capiscono i nostri apprendisti, che si è moderati a prescindere, per antica ed abusata tradizione, oppure lo si diventa imparando il gioco dagli avversari e che di fronte alle alchimie inconcludenti, è sempre meglio un populismo rampante e fotogenico. Anche perchè nel frattempo il mondo è cambiato, per sopravvivere bisogna correre spediti e loro invece sono rimasti al guado, impantanati in una continua sperimentazione di generi, dal comico al tragico, come nel famoso asino di Apuleio.

In definitiva, si fa, ma senza strepiti, con discrezione? E' dunque questo il segreto della moderazione, la parola magica passepartout? Comunque sia, lo spettacolo che finora è andato in scena, rimestando la commedia nazionale, è veramente fantastico. A parte i vari sdoganamenti, che hanno riscritto la storia, cancellato i limiti bioetici e liberato gli istinti repressi di giovani e adulti (altro che '68!), a riprova che il diavolo fa le pentole ma non i coperchi, da tempo ormai sfilano sul “teatrino della politica” i testimoni eccellenti di almeno mezzo secolo di letame impunito. Quello stesso della prima repubblica, ma oggi anche quello del destino moderato e colluso della seconda: il visionario, lo sfrontato, il guitto, delle magnifiche sorti dell'ultimo ventennio. E se vi scappa da ridere, per piacere, non fate i terroni.

Recitava il nostro caro e compianto amico: chi si è preso i soldi del Belice? Se aspettiamo, ai prossimi botti puzzolenti (forse) lo sapremo.
Un saluto moderato.

Nessun commento:

Posta un commento