logo

logo
ebook di ArchigraficA

martedì 26 marzo 2013

Sketcher




di Francesco Escalona



Li guardavo e mi comunicavano pace.
Precisamente, la sensazione che provavo era quella di aver varcato uno stargate e di essere così entrato in un’altra dimensione spazio-temporale...
Avevamo raggiunto in ordine sparso già a prima mattina l’area umida alle spalle della duna ancora in formazione ed ognuno per suo conto, aveva cercato il punto di osservazione più adatto.
Loro, gli ornitologi, si erano subito immersi in quel paesaggio reduce del mediterraneo postmoderno …
Io mi ero seduto un po’ distante per osservarli, discretamente.
Il vento, che giocava appena con la sabbia sottile, mi soffiava dolce nelle orecchie ed un gradevole tepore copriva languido i miei pensieri ammaliati …

Quel mattino, chissà perché, non c’erano molti uccelli …
Avevano perciò lasciato, solo per un attimo, le loro sofisticate armi tecnologiche: binocoli ad alta definizione, cannocchiali elettronici, reflex digitali … brandendo ora, matite, taccuini, pennelli ed acquerelli.
Alcuni in piccoli gruppi, scherzavano allegramente tra loro sfoderando l’arma dell’autoironia … altri, silenziosi, un po’ appartati, guardavano fisso con incredibile serietà verso terra un punto indefinito, invisibile ai più.
Elio, scrutava l’immensamente piccolo … analizzava, schizzava, con l’attenzione e la cura dei ritrattisti del paesaggio dell’ottocento, un minuscolo fiore che sbocciava.
Non un fiore particolare … era soltanto uno tra quelle migliaia di piccoli fiori di camomilla dal capolino giallo che riempivano con il loro intenso profumo, misto alla salsedine marina, il paesaggio mattutino della duna sabbiosa.
Un fiore come tanti, quel fiore; destinato a compiere tutto il ciclo della propria esistenza – seme, germoglio, tenero stelo, fiore glorioso, amore con l’ape, seme al fresco vento, foglie appassite, fertile terra, e poi, di nuovo, tenero germoglio … - nella pacata indifferenza verso le sorti dell’Universo infinito e delle aggressive specie dominanti che lo popolano e che anelano goffamente a governarlo …
Quel ragazzo, Elio, - scarpe da trekking, cappellaccio di canapa, barba lunga ed occhio trasparente – lo conoscevo: era lo stesso che la notte precedente, immersi tra le stelle, ci aveva raccontato dei sacerdoti babilonesi e dei sapienti Sumeri che passavano la loro esistenza a misurare ossessivamente la danza delle stelle, e quella della luna, quella splendida luna piena, nella volta celeste, interrogandosi … e che avevano lanciato coraggiosamente la loro stupita immaginazione nell’ignoto più profondo, inventando, migliaia di anni fa, per compiere quei loro spericolati viaggi mentali, gli strumenti inesorabili del tempo e dello spazio …
Misuravano, confrontavano e tramandavano … raccontando. e ricordando, ossessivamente. disperatamente.

Ora, quel ragazzo dai capelli ricci e dallo sguardo sognante, forse con la stessa attenzione sacrale, provava a penetrare e a disegnare quell’infinito minimo, l’universo più minuto … l’universo ignoto di uno scarabeo grigio antracite che attraversava il suo orizzonte senza confini … chissà da dove veniva e dove andava quello scarabeo vagante in quell’oceano di terra arsa, in quella sconfinata distesa, giungla inesplorata di giganteschi boschi di camomilla …
e perché …
Io, li guardavo da lontano, dall’alto, Divo per qualche attimo …

Elio, dallo sguardo profondo e dal pensiero leggero, stava forse percorrendo quell’invisibile retta, una e una sola, che congiungeva due punti infinitesimali distanti tra loro cento anni luce: la vetta del piccolo dosso raggiunto faticosamente dallo scarabeo, nel cespuglio di veccie rosa-lilla, e l’altra vetta, quella del cratere in esplosione su Eta Ursae Majoris, stella dell’Orsa Maggiore, detta anche Alkaid e Benetnasch, la settima stella del nord, la stella di scintillio Brillante …

Una retta sottile attraversata solo in un lampo di tempo dal pensiero innamorato di Elio … innamorato di questa terra..
Aveva ragione Erri: il pensiero, un vero pensiero, come questo, è più veloce della luce.
E anche tu, caro lettore, se mi hai seguito con l’entusiasmo dell’impossibile, sei già lì con me, su Eta Ursae Majoris …

1 commento:

  1. Una riflessione straordinaria questa di Francesco Escalona.
    Cento, mille, diecimila momenti come questi, dove l'anima di ognuno riposa e guarda con interesse il mondo che ci circonda e saremmo tutti migliori, in un pianeta felice e in pace.
    "Eccola, è guadagnata".
    "Che cosa?".
    "La felicità".

    RispondiElimina